“Click here to kill everybody”: la tecnologia ci rende più sicuri?